Visualizzazione post con etichetta Notizie varie. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Notizie varie. Mostra tutti i post

Le 20 richieste di divorzio più strane di sempre! Parte 3. (clicca la foto)

Un soldato Americano in missione in Iraq, ha scoperto di essere stato tradito con l’aiuto della console Nintendo WII. Il Soldato infatti, una volta rientrato a casa ha casualmente visionato la cronologia della propria console e vedendo qualche incongruenza, volle approfondire e capire meglio cosa fosse successo. Tutto ad un tratto, ecco che spuntò fuori un’altro MII (un avatar che ogni giocatore si crea sulla console). Questo nuovo personaggio non aveva nulla a che fare con il soldato ed era un gran giocatore di bowling. A questo punto era tutto chiaro… Quando il soldato chiese alla moglie conferme su questo amante, lei gli rispose dicendo “Si è vero, ma gli ho dato soltanto un bacio”.
*******
Il sig. Cheng Yu, un Cinese di 31 anni, si è visto costretto a chiedere il divorzio dalla moglie Tian Mae di 27 anni per un motivo molto assurdo. La donna infatti, aveva una maniacale passione per le torte e costringeva il marito ad assaggiarle dopo ogni pasto. Secondo il sig. Yu, questa passione era inizialmente molto ben tollerata per le buone capacità della moglie, ma dopo qualche tempo, la situazione diventaò sempre più pesante ed inaccettabile al punto tale da farlo diventare un vero e proprio incubo. “Oggi, solo a sentire la parola torta, sento una sorta di rigetto” ha dichiarato Cheng Yu, che si sentiva come una sorta di cassonetto per le torte.
*******
Una donna del Cairo e suo marito, un ufficiale dell’esercito Egiziano, avevano appena finito di litigare per telefono. Quando il marito tentò di richiamare la moglie per i chiarimenti, lei ignorò le chiamate entranti, a quel punto sul cellulare della donna arrivò un messaggio che diceva “voglio divorziare, così impari a non rispondere al telefono”.
*******
Non è inusuale vedere una giovane ragazza sposare un ricco uomo di oltre 80 anni, la cosa strana è quando la giovane ragazza deve chiedere il divorzio perché non riesce a stare al passo con le richieste del marito. È successo a Kristin Georgi, una 22 enne che ha sposato un magnate del legname di 84 anni. Quando il giudice chiese alla coppia il motivo della richiesta di divorzio, diede per scontato che la causa principale sarebbe stata l’enorme differenza di età ma dalla bocca del sig. Joe Hardy uscirono le seguenti parole “Ho una vita molto attiva e mia moglie non riesce a stare al mio passo”. Il sig. Hardy infatti, si svegliava molto presto ogni mattina e prendeva l’aereo oltre 10 volte a settimana per i suoi numerosi viaggi d’affari, oltre a non rinunciare a nessun piacere della vita.
*******
Una donna Nigeriana di nome Olwakele Ogundele, ha chiesto il divorzio perché quando il marito rientrava a casa in stato di ebbrezza, era solito defecare nelle pentole di casa. La donna disse che non sopportava più il marito sia perché era ormai diventato alcolizzato, che per il fatto che aveva completamente dimenticato le regole del galateo e l’amore era ormai finito. Dinanzi ad un fatto del genere, il giudice non poté far altro che accogliere le richieste della donna.
*******
Un uomo Turco, si è presentato in una stazione di polizia in Germania perché non sopportava più le continue richieste sessuali della moglie. L’uomo dichiarò che dormiva sul divano da 4 anni e che non intendeva più entrare in quella casa nella quale si trovava la moglie ed i suoi due bambini.


Le 20 richieste di divorzio più strane di sempre! Parte 2. (clicca la foto)

Nell’Aprile del 2009, una donna Tedesca ha chiesto il divorzio perché non sopportava più la maniacale voglia di pulizia del marito. Dopo 15 anni di sopportazione di quest’uomo totalmente preso dalle faccende domestiche, la donna scoppiò. La goccia che fece traboccare il vaso fu un muro abbattuto e ricostruito perché era sporco.
*******
La signora Luo fu abbandonata dal marito per aver nascosto la reale età per ben 10 anni. La donna infatti, quando era fidanzata con il futuro marito, disse di avere 24 anni invece di 30 e l’ignaro uomo fu preso in giro per ben 10 anni di matrimonio. Quando quest’uomo dimostrò di essere stato vittima di un raggiro, il giudice fece immediatamente annullare il matrimonio.
*******
Nel 2005, fu presentata una domanda di divorzio da una donna Rumena che non sopportava pranzare con la suocera tutti i giorni. La ventiduenne è stata sposata per soli 10 mesi ed ha dichiarato che la sua vita è diventata un incubo per via della suocera. La corte ha chiesto a questa giovane sposa di nome Elena di riconsiderare la motivazione per la separazione e di ripresentarsi non appena ne avrebbe avuta una più valida.
*******

Una pensionata Rumena, ha chiesto il divorzio perché secondo lei, il marito stava passando l’intera pensione per sfamare i cani randagi. Eliza Barbu, 70 anni, ha dichiarato che il marito Mircea iniziò a dare qualche avanzo ad un paio di cani randagi che gironzolavano vicino la loro casa, dopo qualche tempo però, la passione per i cani randagi iniziò a crescere a dismisura fino al punto che il sig. Mircea, ha iniziato a sfamare più di 20 cani per tre volte al giorno, consumando così tutto il suo stipendio per gli amici a quattro zampe e rimanendo senza cibo in casa.

*******
Nel 2008, una donna Cinese ha chiesto il divorzio perché il marito decise di promuovere le imminenti Olimpiadi di Pechino. Fin qui sembra tutto normale, ma se pensate che per la sua impresa l’uomo mise in vendita la propria casa per pagare un team di sei persone e per un furgone con la scritta “Support the Beijing Olympics”, forse questa donna non aveva tutti i torti.
*******
Una donna ha chiesto il divorzio quando una notte, durante un rapporto, si stacco l’estensione del pene che il marito aveva fatto installare sul proprio membro. Il sig. Toporov di 47 anni, dichiarò che si fece installare questa protesi perché non possedeva un pene all’altezza delle aspettative di sua moglie. La sera in cui si verificò il problema, la moglie rimase talmente inorridita che non fu capace di perdonarlo, anche se lui promise che ne avrebbe acquistato uno più nuovo molto più stabile.
*******
Una coppia dello Yorkshire (Inghilterra) di circa 90 anni, si è risposata 57 anni dopo aver divorziato. Sposatisi inizialmente nel 1941, il loro matrimonio durò per pochi anni e decisero quindi di separarsi. Nel frattempo, si sono entrambi risposati ma dopo che i loro partner sono entrambi deceduti, il sig. Harper si fece coraggio e telefonò alla sua ex. Senza perdere tempo, la sig.ra Harper si fece avanti e risposò il suo ex. In un’intervista, la sig.ra ha dichiarato “è stato come se non ci fossimo mai separati”.


Le 20 richieste di divorzio più strane di sempre! Parte 1. (clicca la foto)

Un incallito giocatore Russo di poker Andrei Karpov, si è giocato la moglie avendo terminato il denaro. I giocatori del tavolo accettarono il pegno ed andarono avanti. Il sig. Karpov, non pensava che la moglie lo avrebbe mai saputo, ma le cose andarono molto peggio, infatti, il vincitore Sergey Brodov, si presentò alla casa di Andrei per ritirare la vincita. La donna, presa dalla rabbia, ha immediatamente chiesto il divorzio e si è sposata con Sergey. Quando fu intervistata, la donna dichiarò “Sono molto felice di aver sposato Sergey, anche se mi ha vinta in una partita di poker”
*******
Una 24 enne Rumena, Emese Nagy, ha deciso di separarsi dal marito perché quest’ultimo si rifiutava di indossare le mutande. Prima di sposarsi, Emese è stata fidanzata con Tamas per circa un anno, ma non si era mai accorta di questa abitudine del futuro marito. Una volta sposati, la signora notò questo particolare ma non ne era disturbata. I problemi iniziarono quando passeggiando, Emese notò che molte donne ammiravano il marito e che questa abitudine era nota a tutta la cittadina. Davanti al giudice, Tamas disse che amava la moglie e che non avrebbe voluto porre fine alla loro relazione, ma dinanzi alla richiesta di indossare le mutande, avrebbe preferito stare da solo.
*******
E’ normale per una coppia avere problemi riguardanti i suoceri, ma è strano che questi problemi inizino durante il viaggio di nozze. Sfortunatamente, questo è quanto è accaduto ad una coppia Italiana. Quando la coppia si è recata all’aeroporto di Roma, non sapevano che la mamma dello sposo avesse il biglietto aereo, la suocera fece la fila con loro per il biglietto, passo l’area di sicurezza e salì a bordo del velivolo. A quel punto era chiaro che la donna avrebbe accompagnato i neo sposi nella loro luna di miele. Quando la sposa chiese al marito di rimandare la mamma a casa, il giovane si rifiutò dicendo che la madre aveva problemi di salute. Dopo le tre settimane di luna di miele in Francia, la donna ha chiesto il divorzio perché riteneva il marito troppo attaccato alla mamma.
*******
Taiwan. Un marito affermava che la moglie era troppo timida per consumare il matrimonio anche dopo un anno. Il signor Chen di 38 anni, conobbe la ragazza di 29 anni tramite un sito  di incontri. Dopo tre mesi di frequentazioni, la coppia decise di sposarsi, ma la signora Lin, rifiutò di consumare il matrimonio durante la prima notte di nozze, pertanto dormì vestita. Il giorno in cui il marito tentò di avvicinarsi, fu respinto con forza e la donna tornò a dormire a casa della madre. Nonostante la donna avesse scritto sul sito che avrebbe consumato il matrimonio durante la prima notte di nozze, affermò poi che lo avrebbe fatto soltanto per “procreare”. Quando il giudice accolse la domanda del sig. Chen, chiese alla donna perché questa non avesse voluto avere rapporti con il marito, la risposta fu che aveva mal di testa e non si sentiva bene. Il giudice pensò che in un anno avrebbe comunque avuto una giornata a per potersi dedicare al marito; accettò quindi la richiesta, obbligando la donna ad un cospicuo risarcimento danni.
*******
Dopo trent’anni di matrimonio, una donna Saudita ha chiesto il divorzio perché il marito ha tentato di guardarle il volto. L’uomo ha vissuto per 30 anni senza aver mai visto la donna che aveva sposato perché la donna era molto determinata a seguire alla lettera le buone regole della tradizione. Una notte, mentre la donna dormiva, il marito, preso dalla curiosità, tentò di sollevare il velo che per anni nascondeva il viso della sua donna, ma per lui fu un errore fatale, la donna infatti si svegliò di colpo e senza perder tempo si diresse presso lo studio di un avvocato. Anche se l’uomo promise di non farlo mai più, la donna andò avanti con la sua richiesta. Anche se per noi può sembrare strano, in Arabia Saudita, mariti che non hanno mai visto il volto della propria moglie non sono una rarità.
*******
Nel 2001, una donna cinese chiese il divorzio da suo marito perché riuscì a capire che la tradiva grazie alle nuove parole che il pappagallo ripeteva. Dopo una breve vacanza infatti, notò che il pappagallo aveva aggiunto nuove parole alle solite piccole frasi a cui era abituata tra cui “divorzio”, “ti amo” e “pazienza”. La donna portò il pennuto come testimone con la speranza che potesse ripetere le parole anche in aula, ma quel giorno il pappagallo fu molto silenzioso. La donna riuscì comunque a divorziare dal proprio marito.
*******
Una donna di 83 anni ha chiesto il divorzio dopo 60 di matrimonio perché ha colto in flagrante suo marito di 81 anni che la tradiva con una collega di lavoro 30 anni più giovane. Non si sa da quanto la storia andava avanti, ma la scoperta è stata fatta in una delle solite giornate lavorative nelle quali i due consumavano il proprio amore grazie ad un piccolo errore di attenzione. I due infatti avevano dimenticato di chiudere le tende prima di “attivarsi” e lo spettacolo è stato alla mercé dei passanti. Dopo il divorzio, i due amanti si sono felicemente sposati e abitano nella casa accanto.

>>>>> vai alla parte 2

Batterie allo zucchero per gli smartphone!! Un nuovo studio. (clicca la foto)

Le batterie allo zucchero per alimentare smartphone e tablet saranno presto realtà. Dopo le ricerche condotte nel 2012 dall’Università di Tokyo, è il turno di un nuovo studio dell’istituto Virginia Tech negli Stati Uniti. E, rispetto a quanto ottenuto fino a oggi, queste batterie hanno tutte le carte in regole per fare la loro apparizione sul mercato, perché l’autonomia è adeguata e i costi contenuti.
Quello dell’approvvigionamento di energia per smartphone, tablet e altri dispositivi da taschino è un problema che da tempo assilla i produttori tecnologici mondiali. Le attuali soluzioni al litio non sono sempre efficienti – l’estrazione mineraria ha dei costi importanti – e finito il ciclo di vita lo smaltimento è decisamente problematico. L’industria, di conseguenza, da tempo spera l’invenzione di qualche materiale che sia economico, duraturo e soprattutto riciclabile. La risposta potrebbe proprio venire dallo zucchero, un elemento la cui capacità energetica è studiata da decenni.
La ricerca, condotta da Percival Zhang e pubblicata su Nature Communications, si differenzia da quanto raggiunto in passato perché queste “batterie dolci” possono pregiarsi di una densità energetica decine di volte maggiore rispetto ai precedenti prototipi, tanto da rendere questi accumulatori del tutto simili in durata alle normali soluzioni al litio. E in più sono ecologiche – lo zucchero è ovviamente un elemento al 100% naturale – e facilmente ricaricabili, oltre che riciclabili senza danni nefasti per l’ambiente.
Il funzionamento è complesso, ma estremamente funzionale. Un composto enzimatico interagisce con il carbonio contenuto nello zucchero: si viene a creare un processo di catalizzazione in una cella a combustibile enzimatica, dove le maltodestrine – estratte dall’idrolisi dell’amido – e l’aria attivano lo scambio. Si viene così a generare del calore, dell’acqua e dell’energia elettrica, sufficiente per le necessità di un terminale da taschino. Una scoperta che non è solo interessante a livello ecologico, ma anche per la sua praticità: in futuro, forse, per ricaricare lo smartphone non si dovranno attendere ore e ore di collegamento alla rete elettrica, ma basterà avere a disposizione una bustina del dolcificante più utilizzato al mondo.
Fonte Greenstyle

La ragazza che si è fatta impiantare un cuoricino di platino in un occhio... (clicca la foto)


Lucy Luckayanko è stata visitata dal dottor Emil Chynn al Park Avenue Laser Vision per farsi impiantare un cuoricino di platino (3,5 millimetri) sulla parte bianca del suo occhio destro. "Sono entusiasta", dice Lucy, "Mi piaceva l'idea fin dall'inizio". Metà dei miei amici dice che sono pazza e metà che è troppo "cool". Lucy non è la prima perché a Los Angeles e in Europa sono state già decine le persone che lo hanno fatto. L'operazione costa circa 3.000 $ e secondo il dottor Emil Chynn è solo un altro modo di far progredire la scienza dell'oftalmologia. Purtroppo per il dottore però, sia l'FDA che l'American Academy of Ophthalmology non approvano. L'AAO ha detto che non ci sono "prove sufficienti per sostenere la sicurezza o il valore terapeutico di questa procedura" e invita i consumatori a "evitare di mettere nell'occhio qualsiasi corpo estraneo o materiale che non è approvato dalla FDA". Nuova moda? Staremo a "vedere"... forse è questo il significato di "anche l'occhio vuole la sua parte"? (fonte www.dailymail.co.uk)

SE VUOI VEDERE ANCHE IL VIDEO CLICCA QUI

Il video della ragazza che si è fatta impiantare un cuoricino di platino in un occhio... (clicca per vedere)


Il video è relativo a questo articolo: CLICCA QUI

Spagna. Non raccogli i bisogni del tuo cane? Allora te li spedisco a casa!!" (clicca qui per leggere)

Tutto ciò accade in Spagna e per la precisione a Brunete. I cittadini erano stufi di vedere ovunque escrementi di cane per colpa di padroni maleducati e allora hanno avuto questa geniale idea: spedire, in una scatola con su scritto "OGGETTO SMARRITO", a casa dei padroni i bisogni dei loro cani. Il Comune non aveva i soldi per una campagna pubblicitaria ma l'agenzia McCann si è offerta di farlo gratuitamente (clicca qui per il video) ! Venti volontari hanno girato per le strade della città cogliendo in flagrante chi non raccoglieva i bisogni del proprio cane, si avvicinavano, iniziavano a parlare con una scusa e chiedevano nome e razza del cane (una volta andati via i proprietari, i volontari raccoglievano i bisogni). Con questi due dati potevano cercare nell'archivio del comune il nome del proprietario e il gioco era fatto! I proprietari si vedevano recapitare a casa il loro "oggetto smarrito" e... beh... dopo quasi 150 consegne a domicilio, le autorità hanno accertato che il calo di escrementi lasciati per strada è stato del 70%...

Il cane più piccolo al mondo e... quello più grande !!! (clicca la foto)



Ecco Milly, un Chihuahua di 170 grammi di peso e 6,53 cm di altezza ! 
Ha anche un suo sito personale (http://www.miraclemilly.com/) ! 


Questo invece è Zeus, il cane più grande del mondo, un alano di 2,5 metri di lunghezza (pochi cm in più rispetto al precedente record di Giant George) e di 70 chilogrammi di peso ! 

Facebook: 15 piccoli problemi e 15 soluzioni (cicca la foto)


COME FACCIO A NON PRENDERE VIRUS GIRANDO SU FB?? Smettila di usare applicazioni che non conosci e di cliccare link di presunte donne nude o simili (sono quelli che attirano di più ma che fregano di più). Sei su un SOCIAL network… socializza coi tuoi amici e chiedi: vorrei visitare questo sito/blog, lo conoscete? Che mi consigliate? Se invece ricevi qualche link per messaggio privato o se ti appare sul profilo: a) se è uno sconosciuto elimina tutto subito, frena la curiosità, una volta cliccato è tardi b) se è un tuo amico che te lo manda, prima di cliccare rispondigli in ogni caso “di che si tratta?”, se risponde allora ok… altrimenti (poveretto) se non risponde è solo vittima egli stesso di un virus e quel link infetterà anche te, non cliccarlo e anzi avvisalo che è il caso di riavviare FB e fare una scansione del suo pc! Una delle fregature più diffuse è quella di “mandarti fuori” da FB (cliccando qualcosa di sbagliato) e poi vederti apparire una schermata identica a quella iniziale di Facebook dove devi reinserire nome utente e password… Peccato che sia la schermata di un hacker e che tu gli stia per dare su un vassoio d’argento i tuoi dati. Consiglio? Chiudi tutto e riscrivi in alto nella barra www.facebook.com , dai invio e sei tranquillo. Coi virus non c’entra nulla ma… il consiglio migliore in assoluto è: non dare MAI la tua mail e la tua psw a nessuno sconosciuto… e se devi inserirla da qualche parte chiedi prima ai tuoi amici se conoscono la tal applicazione o programma.

QUANDO CLICCO UN BLOG CHE MI APPARE NELLA HOME E (SPESSO MA NON SEMPRE) LEGGO IN ALTO "È SPAM" O "NON È SPAM" COSA DEVO FARE?? Facebook vive sulla pubblicità e detesta la concorrenza, quindi ti mette paura su qualsiasi cosa tu clicchi e che non sia sua... Il blog ti piace? Lo hai già visitato e non ti da problemi?? Fregatene e clicca "non è spam" se addirittura vuoi dargli una mano a sopravvivere! Questo problema esce anche con molti antivirus che, troppo potenti e pignoli, vedono minacce ovunque, anche dove non ci sono. Se un blog o un sito lo hai sempre visitato, non preoccuparti e fai questa prova: invece di cliccare “da” Facebook, copia il link DIRETTO del blog/sito e incollalo nella barra in alto, vedrai che non ti darà nessun problema.

MI HANNO TAGGATO IN UNA FOTO E STO RICEVENDO MILLE NOTIFICHE, COSA FARE?? Clicca la foto in modo che sia in primo piano, clicca su “opzioni”, poi su “segnala/rimuovi tag”, poi su “voglio rimuovere questo tag”, poi su “continua”, poi su “rimuovi il tag creato da…”, ancora click su “continua” e infine su “ok”. Aaaaaaaaaah, che liberazione, finite le notifiche e perdendo solo 10 secondi. Ovviamente lo devi fare per ogni tag… Se una persona ti tagga 5 volte al giorno beh… ti consiglio allora di chiedergli di smetterla o di eliminare la persona dai contatti, fai prima.

COME SI IMPOSTANO ACCOUNT E PRIVACY?  La prima soluzione è quella di chiedere ad un amico informato, rompetegli le scatole quanto basta per farvi dire cosa fare… poi gli offrirete una pizza. La seconda soluzione è verificare da soli, cliccando in alto a destra sulla rotellina bianca, le vostre “impostazioni account” e “impostazioni sulla privacy”, non è complicato… ci vuole solo tempo. Facebook è parecchio contorto ma in effetti da la possibilità per qualsiasi azione di decidere “chi” deve vedere e “cosa”. Ecco che avrete opzioni come “Amici” (solo i vostri contatti vedranno cosa pubblicate), “Amici di Amici” (anche i contatti dei vostri amici potranno vedere), “Solo io” (usatelo per i dati sensibili come mail e cellulare), “Personalizzata” (decidere voi, nome per nome, chi deve vedere e cosa). Giocateci un po’ e imparerete da soli… fino a quando non avrete salvato i cambiamenti non avete problemi e se per caso avete salvato, ricominciate e salvate di nuovo… nulla è “definitivo” a meno che non ve lo dica FB. È decisamente una rottura di scatole ma molto, molto utile per pubblicare serenamente.  Io non sono un genio ma ho perso giorni interi per controllare tutto e alla fine posso dire (salvo novità dell’ultimo minuto) di poter navigare sicuro in FB. Le informazioni su di voi presenti in rete sono quelle che VOI avete deciso di rendere PUBBLICHE, controllate le impostazioni della privacy ogni volta che pubblicate qualcosa, tramite il segnalino di condivisione che compare di fianco al post.

SONO STATO BLOCCATO E NON POSSO PIÙ SCRIVERE !!! PERCHÉ?? Premesso che Facebook fa un po’ cosa gli pare ma ci sono alcuni motivi per cui potete essere bloccati anche se a voi sembra di non aver fatto nulla. Per esempio… Non scrivete MAI messaggi con sole lettere maiuscole, soprattutto nei commenti a post di pagine e amici. Facebook lo vede come spam e vi penalizza. Non postate link o stati a raffica (tipo catene di S.Antonio), oltre un certo numero è considerato come spam. Evitate di discutere in modo esagerato con altri utenti… esistono anche quelli idioti che invece di controbattere intelligentemente, vi segnalano (con le scuse più idiote) e rischiate parecchio: la libertà di pensiero e parola sono decisamente ridotte in FB. Attenzione a pubblicare link sgradevoli, violenti o gravi (pedofilia/pornografia), la gente cade spesso in errore e invece di segnalare il link segnala voi: se lo fate spiegate BENE cosa devono fare… in alternativa non mettete il link ma scrivete il nome della pagina o post che volete segnalare… i vostri amici se la cercheranno da soli. Se condividete link illegali rischiate persino di essere perseguiti voi.. Non scrivete troppo spesso parole “allungate” tipo “Ciaooooooooooooooooooooo”, è una stupidaggine ma purtroppo FB lo vede come spam. Non esagerate con queste azioni perché per un po’ FB vi avvisa… poi rischiate anche la perdita del profilo.

SCRIVO IN UN PAGINA SIA IN BACHECA E SIA SOTTO I VARI POST MA NON MI LEGGO O NON MI LEGGONO !!! PERCHÉ?? Questa domanda ha più risposte: 6a) se avete scritto sotto un post e lo hanno fatto in tanti (più di 2) allora è possibile che siate stati nascosti da FB (per comodità ha deciso di raggruppare i commenti) e quindi per leggervi dovrete cliccare su “Visualizza altri commenti” e se i commenti sono più di 50 e non vi trovate subito dovrete cliccate ancora sulla stessa frase fino a che non li avrete resi tutti visibili. 6b) l’amministratore della pagina ha inserito nelle parole SPAM una di quelle che fa parte del vostro commento oppure siete andati incontro ad uno dei limiti di cui al punto 5 e quindi il vostro commento sotto il post è stato “congelato” e lo vedrete solo voi, l’admin e i vostri amici ma nessun altro utente. 6c)  avete scritto in bacheca (a sinistra) ma non lo vedete immediatamente sotto… solo perché lo spazio per gli utenti iscritti (fans) è stato spostato nella colonna a destra; anche in questo caso ne vedrete solo pochi, per gli altri dovrete cliccare su “Altri post”.

METTO UN LINK IN UNA PAGINA MA VIENE FUORI SOLO LA SCRITTA E NON IL LINK CON FOTO E TESTO !!! PERCHÉ?? Semplice, l’admin (amministratore/titolare/gestore) della pagina non lo permette. Per vedere cosa permette basta leggere 1 centimetro sopra lo spazio dove avete incollato il link (Stato… Foto/video… ecc). Ovviamente salvo i casi in cui è Facebook stesso a non funzionare, in quel caso riprovate dopo qualche ora.

AIUTO ! VOGLIO CONDIVIDERE UN LINK MA MI CHIEDE UN CODICE, CHE DEVO FARE??? Il codice di sicurezza (di solito si chiama così) non è altro che un modo per “qualsiasi” sito di chiedere: “sei un essere umano nel pieno delle tue facoltà e veramente vuoi postare questo link?”… Quindi, se lo volete, scrivete il codice e date invia… Dopo un po’ di volte che la gente metterà il codice, allora Facebook si convincerà che è un buon sito/blog/pagina e non lo chiederà più. È solo precauzione da parte di Facebook, infatti esistono programmi che possono postare link (anche brutti e/o dannosi) a raffica… con il codice viene fermato questo scempio ma purtroppo si danneggiano anche siti/blog che meritano. Aiutateli e non fermatevi per 5-6 lettere da inserire… c’è di peggio nella vita.

VEDO IN CONTINUAZIONE UNA PAGINA SUL MIO PROFILO MA IO NON MI SONO ISCRITTO !!! CHE FARE?? Se nella vostra homepage vedete apparire pagine che non conoscete (sono mille i motivi per cui ve la ritrovate senza averla mai vista) o pagine che non volete più vedere, non cominciate ad insultare (rischiate solo voi di essere segnalati) o segnalare (per far chiudere pagine occorrono migliaia di segnalazioni e ormai è più utile l’indifferenza che l’attacco) ma fate semplicemente così: lasciate fermo il mouse sul nome della pagina (senza neppure avere bisogno di entrarci), aspettate che si apra la finestrella, scendete fino a trovare “Ѵ Ti piace”, spostate il mouse lì sopra e poi cliccate “Non mi piace più”. Attenzione… se è la pagina che “direttamente” mette un link potete fare ciò che ho detto ma se è un vostro amico allora no. La differenza è semplice: nel primo caso vedrete solo il nome della pagina (quindi siete voi che siete iscritti lì), nel secondo vedrete il nome del vostro amico più il link della pagina proposta (quindi è il vostro amico che è iscritto lì e ve la propone) oppure anche il nome dell’amico e la dicitura “…tramite nome della pagina”. Lasciate perdere il “come” siete capitati in quella pagina… Spesso ci si è iscritti 2 anni prima e ci si è dimenticati oppure qualche furbetto vi ha fatto cliccare il mi piace senza dirvelo (sono svariati i modi e sempre più furbi)… L’importante non è sapere come si è entrati, l’importante è sapere come uscire! 

HO UN AMICO CHE MI CHIEDE L’AMICIZIA PER LA SECONDA VOLTA? NON CAPISCO!! Fate attenzione a quegli amici che vi chiedono l’amicizia una seconda volta. Verificate di non averlo già tra i contatti e se lo conoscete bene chiamatelo o scrivetegli. Ultimamente ci sono persone con cattive intenzioni che “copiano” (clonano) il profilo di alcuni per poi chiedere l’amicizia in giro con il nome a voi noto. Siamo passati dal falso impiegato del tal Ente al falso amico su Facebook… ma il senso è lo stesso: approfittare della vostra buona fede e della vostra disattenzione.

COME FACCIO A COMUNICARE ALL’AMMINISTRATORE DI UNA PAGINA QUALCOSA (VIOLAZIONI, PRECISAZIONI, RICHIESTE)? Ci sono 3 modi per scrivere all’admin di una pagina: A) scrivere un commento sotto uno dei post della pagina… ma spesso, soprattutto in pagine grandi, l’amministratore non può materialmente leggere tutti i commenti e quindi è da evitare… B) se l’admin concede la possibilità di scrivere in bacheca provate lì, anche se la possibilità che legga la bacheca dei fans è remota, ma comunque ci sono già più possibilità che scrivere un commento C) se l’admin concede di scrivere un messaggio privato è questo il modo migliore: entrate direttamente nella pagina, guardate sotto l’immagine di copertina e vedrete il pulsante “Messaggio”; cliccatelo, scrivete e sperate che l’admin abbia tempo/voglia di rispondervi.

NON SO CARICARE LE FOTO E ALLO STESSO TEMPO ALLEGARGLI UN TESTO, COME FACCIO? Spessissimo vedo immagini postate in pagine e gruppi e poi il testo che si vuole allegare in un altro messaggio… Quando volete mettere tutte e due le cose insieme cliccate su “Foto/video”, poi su “Carica foto/viedo”, poi su “Sfoglia” e si apriranno le vostre cartelle sul pc, scegliete l’immagine e allegatela. A questo punto avete lo spazio libero (dove di solito appare la scritta “Commenta questo post”) dove potete scrivere quello che volete. Finito tutto cliccate su “Pubblica” e la vostra immagine girerà sempre con il vostro testo allegato.

NON RIESCO A LEGGERE TUTTO IL TESTO ALLEGATO AD UNA IMMAGINE, PERCHÉ? Quando il testo allegato ad un’immagine è troppo lungo, nella vostra home appare (sotto l’immagine) solo una parte del testo. Per leggerlo tutto cliccate sull’immagine, verrà ingrandita e sulla destra in alto leggerete tutto il testo. Se invece siete già nella pagina e l’immagine condivisa è nuova, troverete il testo sopra e se lungo leggerete “Visualizza altro”, cliccate lì e leggerete tutto.

HO LETTO UN COMMENTO CHE MI PIACE/NON MI PIACE MA SE SCRIVO UN COMMENTO IN RISPOSTA NON VA A FINIRE SUBITO SOTTO. COSA DEVO FARE? Questo problema (finalmente) Facebook lo ha risolto e anche in modo intelligente risolvendone due in un colpo solo (infatti ora se l’admin risponde ad una persona non arrivano le notifiche a tutti). Molto semplice: guardate sotto il commento, trovate il pulsante “Rispondi” (di fianco al mi piace), lo cliccate e scrivete nello spazio che si apre il commento. Lo leggerà solo l’interessato.

MI PIACE UNA PAGINA E VORREI INVITARE I MIEI AMICI AD ISCRIVERSI, COME FARE? Per più di un anno FB ha tolto la possibilità di invitare gli amici, ora finalmente l’ha reintrodotta. Entrate nella pagina, guardate nella colonna a destra e trovate la scritta “Invita i tuoi amici a cliccare "Mi piace" su questa Pagina”. Avete due possibilità: a) cliccare semplicemente “invita” su quelli già in vista nel riquadro, oppure potete cliccare su “Mostra” tutti, poi su “Cerca tra tutti gli amici” (se non è in primo piano allora prima cliccate su “Interazioni recenti”),  scorrete i vostri amici e cliccate nei piccoli quadratini a fianco delle piccole immagini, quando avrete finito cliccate su “Invia”.

Non posso pretendere di avervi risolto la vita con queste poche cose ma spero di esservi stato utile, le ho scritte sulla base di quello che ho visto ultimamente. In ogni caso ricordate che: 1) potete cliccare in alto a destra sulla rotellina bianca e poi su “centro assistenza”, lì troverete quasi tutte le risposte che vorrete 2) nel dubbio chiedete SEMPRE ad un amico VERO 3) non fidatevi degli avvisi che inviano molte pagine e relativi a decisioni di Facebook… Se c’è qualcosa di importante Facebook ve lo comunica direttamente e non tramite un privato…4) I “mi piace” ad una foto o la sua condivisione non regalano mai automaticamente soldi per bimbi malati o animali in difficoltà… questo è uno spregevole modo per qualche admin di ottenere consensi. Se esistono raccolte fondi sono certificate, autorizzate, diffuse da pagine serie e con dati precisi e verificabili 5) sono rare le pagine su Facebook che danno consigli realmente utili ma se volete potete trovare notizie interessanti alla pagina “CheckBlackList” (è solo un consiglio).

Spara al fattorino perché la pizza è troppo piccola... (clicca la foto)


MINNEAPOLIS: Demetrius Patterson, ragazzo di 26 anni residente a Chicago, si trovava dalla fidanzata in Russell Avenue North quando, insoddisfatto per le ridotte dimensioni della pizza ricevuta, ha preso la pistola e ha sparato al fattorino (per fortuna illeso). (blogs.citypages.com)

Ahahah, guardate queste magliette !! Troppo carine !! (clicca la foto)

I bambini ‘Evian‘ sono tornati per una campagna stampa con una galleria di ritratti, di stile e personalità racchiuse nel nuovo motto ‘Vivi giovane’. Baby Inside è il nome di questa nuova campagna, creata da BETC Euro RSCG e scattata dal fotografo di moda Nathaniel Goldberg, partita già da fine Luglio 2012. Per celebrare questo evento è nata una collezione limitata di t-shirt in collaborazione con Colette, in vendita a 30 euro.













L'ultima novità 2012 di Facebook per il tuo profilo. Ti piace? (clicca per leggere)




VENTI MOMENTI - Si tratta di una nuova feature tutta natalizia del social network di Mark Zuckerberg, che permette di ripercorrere i venti momenti più importanti dell’anno che sta per concludersi. Il sistema selezionerà gli eventi più salienti degli ultimi mesi, scegliendoli tra gli status più commentati, le foto che hanno ricevuto più apprezzamenti e le copertine più belle del nostro profilo personale. Un modo per ricordare i momenti topici di quest’anno, pronti per voltare pagina e partire con i prossimi dodici mesi. Se guardi nel tuo profilo troverai proprio la scritta come da foto.
(Giornalettismo)

Un cane salva 5 cuccioli da un incendio ! (clicca la foto)

…in Cile, precisamente nella città di Santa Rosa di Temuco, una mamma a quattro zampe ha salvato i suoi cuccioli dalla morte certa. Infatti la cagnolina, un incrocio con un pastore tedesco di nome Amanda, dopo essersi resa conto che la casa dove viveva era invasa dalle fiamme non ci ha pensato due volte: prontamente ha preso uno ad uno i suoi cinque cuccioli di appena dieci giorni, e li ha portati fuori, al sicuro, lontano dalle fiamme. Ma c’è anche di più: Amanda non solo è rientrata nell’abitazione che stava bruciando per salvare tutti i cani, ma dopo aver visto arrivare il camion dei pompieri, ha deciso di caricare i cuccioli direttamente sul mezzo, pensando, giustamente, che li sarebbero stati al sicuro.  La cagnolina in poche ore è diventata famosa in tutto il mondo: uno dei cagnolini salvati purtroppo non ce l’ha fatta a causa delle ferite riportate, gli altri quattro invece stanno bene. Non c’è che dire, una scena commovente, che ancora una volta ci mostra quanto siano dotate di istinto materno e sappiano fare la scelta migliore, le mamme a quattro zampe di qualunque razza e specie esse siano. La cagnolina Amanda attualmente è ospitata insieme alla sua prole in un rifugio per animali abbandonati, dove è stata curata e coccolata, in attesa che magari qualcuno decida di adottarla, ovviamente insieme ai suoi piccoli. Dopo tutta la fatica che ha fatto per metterli in salvo, non si possono proprio dividere! Brava Amanda, ci hai dato un bellissimo esempio di amore e rispetto: sono tanti gli esseri umani che dovrebbero imparare da te! (tutto zampe.com)


Foto credits: SoyCile.cl photo by J. Monsalve

La coppia che si tiene per mano da 1500 anni ! (clicca la foto)

Si sono tenuti teneramente la mano per 1500 anni prima di essere "scoperti". Gli scheletri di due amanti sepolti tra il quinto e il sesto secolo dopo Cristo sono stati rinvenuti a Modena, negli scavi archeologici di Via Ciro Menotti, in un'area ai limiti dell'antica città romana di Mutina (Modena appunto). Le ossa, di un uomo e di una donna, appartenevano probabilmente a una coppia non molto ricca, e sono circondate da altre tombe di cui sette vuote, scavate e mai utilizzate. Lo scheletro della donna è rivolto verso quello dell'uomo, e forse anche quest'ultimo era girato verso la sposa. Qualcosa, forse un'inondazione del terreno di sepoltura, avrebbe poi fatto spostare il capo dell'uomo dall'altro lato. Secondo gli esperti in antichità non era infrequente che una coppia morisse negli stessi giorni. Talvolta a causa di un'epidemia, capitava che mentre i parenti cercavano di seppellire uno dei due sposi, morisse anche l'altro nel giro di poche ore (focus.it).

Foto credit: Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna

La moglie muore prematuramente, lui pianta una foresta a forma di cuore per ricordarla. (clicca la foto)




Guardate che meraviglia: questa foresta a forma di cuore è opera di Winston Howes, un uomo di 70 anni che è purtroppo rimasto vedovo 17 anni fa, nel 1995, dopo che la moglie è morta all’improvviso in seguito ad una grave insufficienza cardiaca. I due erano sposati da ben 33 anni, e il loro sembrava dover essere un amore destinato a non spegnersi mai. Proprio per questo il signor Winston, che di professione è agricoltore, ha deciso di non farlo mai spegnere, piantando questa bellissima foresta a forma di cuore per tenere per sempre vivo il ricordo della moglie, di nome Janet. Come potete vedere dalle foto, sembra essere una radura circondata da querce, e si trova in Inghilterra, precisamente a Wickwa, nel South Gloucestershire. Ovviamente, l’uomo non cercava affatto di rendere famosa la sua storia, in preda al dolore ha solamente cercato un modo per alleviarlo, e per fare qualcosa per la donna amata che l’aveva appena lasciato. I due si erano sposati nel 1962, nei pressi di Stroud. Erano proprietari di una tenuta grande ben 45 ettari, proprio per questo il marito ha piantato la foresta lasciando lo spazio vuoto al centro a forma di cuore (curiosone.tv).

Gli sequestrano la piantagione di marijuana, lui prende il trattore e distrugge 7 volanti della polizia. (clicca la foto)



Una storia davvero incredibile, quella avvenuta nel Vermont, negli Stati Uniti d’America, qualche giorno fa: protagonista della vicenda un uomo di nome Roger Pion, che ha 34 anni, e che di professione faceva il contadino. Circa un mese fa, le forze dell’ordine hanno fatto irruzione nella sua proprietà, dopo aver rilevato qualcosa di strano, ed hanno sequestrato la sua piantagione di marijuana. Ovviamente, l’uomo in quell’occasione è stato arrestato, ma è potuto uscire su cauzione dopo qualche giorno. Così, Roger ha ben deciso di esprimere tutto il suo disappunto sulla vicenda, in un modo assolutamente originale: è andato a prendere il suo trattore, che pesa ben 15 tonnellate, e si è diretto alla centrale di polizia per distruggere ben 7 volanti (curiosone.tv).

Lo sapevi che il costo di un SMS raddoppia utilizzando gli accenti sulle maiuscole? (clicca per leggere)




Dite la verità, avevate mai fatto caso a questa particolarità comune a tutti i telefoni cellulari? Alcuni di noi, sinceramente, l’avevano notato, ma non credevamo davvero che utilizzare gli accenti sulle maiuscole comportasse un effettiva riduzione del numero dei caratteri sull’sms che stavamo scrivendo. Invece, ci siamo documentati grazie ad una notizia circolata recentemente su Twitter, secondo social network al mondo, che tra l’altro continua la sua ascesa al successo. E’ stato scritto addirittura un articolo sul Corriere della sera, per segnalare la questione. L’inchiesta è stata avanzata da utenti che si sono accorti di aver pagato più sms avendone effettivamente inviato uno solo, con un numero di caratteri inferiore ai 160. Perché accade questo? La colpa è degli accenti.  Nonostante molti non lo abbiano notato, iniziando una frase con una parola come il verbo “È“, il numero di caratteri disponibili si riduce di colpo, come se fossero stati inseriti diversi caratteri in più. Come potete vedere nell’immagine in sovrimpressione, i caratteri massimi disponibili ora sono solo 70: si sono dimezzati di netto. Il motivo di tutto ciò è che all’interno di tutti i nostri dispositivi tali parole vengono classificate come “caratteri speciali“, e dunque il software deve usufruire di un set di caratteri più ampio, comportando un notevole spreco di byte: lo spazio disponibile, dunque, si accorcia. Questo perché al massimo è possibile inviare un SMS grande 140 byte. L’unica soluzione è non utilizzarli: saremo degli ignoranti, ma di questi tempi è meglio risparmiare! (curiosone.tv)

Tassista trova un milione di dollari in auto e lo restituisce ! (clicca la foto)


SINGAPORE - Sia Ka Tian è un tassista di Singapore diventato un eroe grazie alla sua onestà. Sulla sua vettura una coppia di thailandesi aveva dimenticato una borsa piena di soldi. L'uomo non ci ha pensato due volte e ha subito restituito la cifra. Il denaro ammontava a ben un milione di dollari, una tentazione a cui difficilmente si può resistere. La coppia sorpresa e felice ha ringraziato Sia Ka Tian con una lauta ricompensa (leggo.it).

Laureato non trova lavoro e si fa assumere come spaventapasseri... (clicca la foto)


Non riuscendo a trovare nessun altro lavoro un laureato inglese di 22 anni si è fatto assumere come “spaventapasseri umano” da una fattoria del Norfolk. Per 250 sterline alla settimana (circa 300 euro) Jamie Fox, ha il compito specifico di cacciare le temibili pernici da un campo di quattro ettari. Armato di chitarra e campanaccio e con indosso una giacca arancione fosforescente, il neolaureato in musica e letteratura inglese deve passare la sua giornata seduto su una sedia e suonare gli strumenti a disposizione al primo avvicinarsi dei pennuti. Il lavoro ideale? Forse, considerato anche che la paga alla fine del mese arriva a 1.200 euro, certo non un lavoro per la vita. E soprattutto non il massimo della comodità visto che Jamie deve rimanere al suo posto in tutte le condizioni atmosferiche, anche le peggiori. «Non voglio fare lo spaventapasseri per sempre - ha detto - ma almeno ho il tempo per pensare cosa voglio fare della mia vita». Soddisfatti i suoi datori di lavoro che hanno deciso di assumere uno spaventapasseri umano perché quelli tradizionali si erano rivelati inefficaci: «Jamie sta facendo un gran lavoro, la differenza si vede» (guardian.co.uk)
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

ANNUNCI PUBBLICITARI

Lettori fissi

Seguici anche su Google+ !!!

Cerca nel blog